Progettare uno sportello di marketing

( modello di comunicazione pubblica proposto all’ALSIA di Basilicata)

di Raffaella Faggella

Mercoledì 17 Settembre 2008 "uscita n. 3"

L’Alsia, Agenzia Lucana di Sviluppo e Innovazione in Agricoltura nasce dall’esperienza dell’ESAB, Ente di Sviluppo Agricolo in Basilicata, il cui obiettivo era quello di portare una riforma agricola nella regione, superando il latifondo ed esaltando la conduzione familiare. L’Agenzia sin dalla sua nascita si è trovata a operare in un settore che versa ancora in uno stato di arretratezza dovuta essenzialmente a una mancata azione di adeguamento strutturale delle imprese. Elementi che si traducono in una perdita di competitività delle aziende che subiscono la pressione concorrenziale delle imprese localizzate in altre aree del paese nonché delle aziende estere. Anche i fondi stanziati dall’unione europea non sono riusciti a sviluppare quell’azione propulsiva che animava le intenzioni iniziali degli operatori. La situazione attuale evidenzia che gli imprenditori locali si sono mossi essenzialmente in una logica produttiva che, pur ritenendo come prioritari i miglioramenti tecnico-produttivi, non ha fatto precedere a questi una verifica dei fabbisogni del marcato e un adeguamento delle strutture organizzative. In tale scenario la mancanza di un’azione incisiva potrebbe condurre all’abbandono delle aziende da parte delle nuove generazioni con conseguente perdita di un patrimonio imprenditoriale costruito con tanto sacrificio.

L’Alsia, che da sempre svolge un ruolo propulsivo nella modernizzazione del settore agricolo lucano, essendo consapevole della situazione attuale, intende sviluppare una serie integrata di azioni finalizzate a un rinnovamento del sistema gestionale delle aziende locali. Per questo l’Agenzia ha inteso promuovere un progetto consistente nella realizzazione di uno Sportello di servizi in grado di supportare le imprese già esistenti e quelle nuove in tutto ciò che si riferisce al rapporto con il mercato. L’obiettivo è anche quello di sviluppare negli operatori una cultura di marcheting oriented che attualmente è quasi assente. L’intento è, infatti, quello di fornire agli operatori del settore competenze professionali e strumenti operativi che conducano ad una gestione competitiva dell’aziende agricola.

Dalla considerazione del quadro complessivo della gestione e produzione delle imprese agricole risultano potenzialità e criticità.

Le principali opportunità potenziali si possono così sintetizzare in:

a)      caratteristiche geografiche e morfologiche che unite alle condizioni climatiche rendono le aree della Regione Basilicata particolarmente adatte ad una particolare produzione;

b)     ricchezza delle risorse agricole regionali che allo stato attuale  sono 

     sottoutilizzate; 

c)      percezione del consumatore dei prodotti della Basilicata come alimenti genuini e di qualità;

d)      utilizzo potenziale di adeguate tecnologie che solo parzialmente sono penetrate all’interno della conduzione delle aziende, che rappresenta un passaggio fondamentale per il miglioramento della capacità competitiva degli operatori.

 

Le criticità si possono così riassumere:

a)        mancanza di una funzione di coordinamento di mezzi e figure professionali che operano nel settore agricolo;

b)        inefficaci flussi informativi riguardanti l’evoluzione della domanda e dell’offerta di prodotti agricoli;

c)         scarsa sensibilità delle istituzioni locali verso il comparto agricolo;

d)         inutilizzate opportunità di finanziamento.

 

Attualmente è assente nella regione un quadro strategico comune di riferimento nell’ambito del quale si possano muovere i singoli operatori e si possono sviluppare interventi mirati a sostegno delle singole imprese. In mancanza di un programma comune vengono sviluppate una serie di iniziative isolate che, per la loro stessa natura, non possono dare un valido apporto sul piano della riqualificazione e del miglioramento del sistema agricolo della regione lucana. Tutto ciò in assenza di un orientamento all’associazionismo conduce a interventi e impieghi di risorse che si rivelano, talvolta, non finalizzati allo sviluppo del sistema.

Emerge, pertanto, l’impellente esigenza di realizzare interventi congiunti, coordinati da un ente, come appunto lo Sportello Marketing  dell’Alsia, ente preposto alla formulazione di politiche e iniziative a supporto dello sviluppo del settore agricolo,che si preoccupa di creare un’armonizzazione delle linee di azione così da limitare le sovrapposizioni e la frammentazione degli interventi.

Nel nostro sistema agricolo manca un sistema informativo che consenta agli operatori di acquisire elementi in base all’evoluzione del mercato. Questo determina una scarsa consapevolezza sull’andamento della domanda per le diverse produzioni e le differenti aree geografiche di sbocco. Pertanto, l’imprenditore resta soltanto un “produttore” senza consapevolezza dei fabbisogni del suo target di riferimento. Tutto ciò in uno scenario competitivo in cui il consumatore diventa sempre più esigente, significa perdere la propria capacità competitiva rispetto ad altri operatori più “orientati al consumatore” e supportati da un sistema informativo adeguato.

Alla luce della situazione descritta precedentemente, l’Alsia ha inteso sviluppare delle azioni finalizzate a una concreta assistenza alle imprese del settore di riferimento, principalmente, alle problematiche di gestione dei rapporti con il mercato. In questa logica l’attività dello Sportello potrebbe costituire un supporto ad ampio raggio per gli operatori del settore sia enti privati e pubblici locali (Comunità Montane e altri enti territoriali)  che le imprese.

Nell’ambito delle finalità sopraindicate, lo Sportello intende raggiungere con la sua azione, una serie di obiettivi che sono così sintetizzabili:

a)     ricognizione analitica della situazione attuale;

b)    realizzazione di uno stretto collegamento tra il mercato agricolo e gli operatori agricoli del settore (imprese ed enti locali) fornendo a questi ultimi informazioni periodiche sull’andamento della domanda e dell’offerta;

c)     promozione dell’associazionismo tra le aziende e creazione di marchi comuni da estendere in rete;

d) assistenze alle imprese nello sviluppo di strategie di marketing e produttive, fornendo indicazioni anche sui possibili fondi messi a disposizione dall’Unione Europea e sulle modalità di presentazione dei progetti.

Vengono indicate di seguito le attività che lo sportello intende compiere e che si ricollegano direttamente agli obiettivi precedentemente indicati: lo Sportello provvederà a sviluppare un’analisi della situazione del settore agricolo in Lucania, tesa a ricostruire un quadro dettagliato della domanda, dell’offerta e della distribuzione.

La ricerca costituirà un momento propedeutico per la definizione delle successive strategie, nell’ambito delle quali far ricadere le azioni programmatiche. I risultati della ricerca verranno messi a disposizione delle imprese locali che potranno utilizzarle per lo sviluppo dei propri programmi aziendali. Questi risultati forniranno, inoltre, base informativa per l’orientamento dell’azione delle imprese e degli Enti locali.

Al fine di realizzare un collegamento tra mercato e operatori locali, lo Sportello dell’Alsia provvederà a raccogliere, elaborare, catalogare tutte le informazioni provenienti dal settore agricolo in modo da costituire una banca dati a disposizione degli operatori da poter consultare in qualsiasi momento. La banca dati, inoltre, verrà collegata ad altri data base già esistenti a livello nazionale che provvederanno ad ampliare ulteriormente il patrimonio informativo a disposizione. Gli operatori del settore potranno, così, beneficiare di dati e notizie di carattere tecnico-scientifico, socio-economico e statistico attraverso idonei ed avanzati strumenti di comunicazione.

Un collegamento, poi, con il mondo della ricerca universitaria e le imprese industriali consentirebbe, inoltre, una rapida diffusione di informazioni sulle innovazioni riguardanti il settore agricolo e agro-alimentare.

Lo sportello provvederà, inoltre, a verificare le opportunità collegate alla realizzazione di azione congiunte assistendo le imprese nella verifica della normativa esistente,nonché nella redazione della specifica contrattualistica.

Verranno promossi incontri periodici tra gli imprenditori tesi a presentare i vantaggi che si collegano ad azioni integrate, provvedendo a verificare la possibilità della creazione di un marchio caratterizzante i prodotti agricoli della Lucania.

Ai fini dello sviluppo di una cultura d’impresa, lo Sportello provvederà a organizzare delle azioni formative di tipo seminariale che avranno lo scopo di favorire la crescita professionale degli operatori attraverso il trasferimento delle moderne tecniche di gestione. Gli interventi, progettati tenendo conto della disponibilità di tempo degli utenti, riguarderanno principalmente il marketing, il controllo di gestione, la finanza e l’organizzazione.

Lo Sportello fornirà, per concludere, una concreta assistenza alle imprese nell’affrontare le problematiche commerciali e gestionali; assisterà, inoltre, gli imprenditori nella verifica delle opportunità di finanziamento, nonché nella definizione e nella compilazione dei progetti da presentare alle organizzazioni competenti. In tal modo lo Sportello potrebbe divenire il punto di riferimento per gli operatori, a cui rivolgersi per un’azione di consulenza, in senso ampio, finalizzata alla gestione delle imprese.

    

                    

                                       Individuazione di nuove

                                             opportunità di business

 

 

 

Consulenza e assistenza a                                               Consulenza e Assistenza a

Comunità Montane e ad                                                  Imprese Agricole singole

Enti territoriali locali                                                       e/o associate

 

                                    SPORTELLO

                                        DI

                                    MARKETING

 

 

Collaborazione con Enti                                                    Elaborazione di piani e

di ricerca per ottimizzare                                                   programmi operativi

 il servizio                                      

 

                                    

Formazione Personale specializzato

                                          Guida al reperimento di fondi

                                       Consulenza e supporto sistematico

                                       Studi di fattibilità e Piani d’impresa