Recensioni

Canio Franculli I boschi della memoria –EditricErmes Potenza 2007-,

di  Maria Donata Di Stefano

                                                                                                                                     Mercoledì 17 Settembre 2008 "uscita n. 3"

Se un testo narrativo non si limita ad esporre la cronologia degli eventi, intervallando le sequenze descrittive o riflessive che siano  a considerazioni esistenziali, la raccolta di racconti I boschi della memoria di Canio Franculli –EditricErmes Potenza 2006-, incontrerebbe l’interesse non solo dei lettori lucani, che inevitabilmente proietterebbero in essa  echi di memoria, ma di chiunque ricerchi nel viaggio il luogo ideale di un approdo esistenziale. E di un viaggio tratta  la trama  dei venti racconti, attraverso una terra in parte reale e in parte immaginaria, Lucania, che si identifica a volte con la regione geografica omonima (nel non ancora risolto dilemma Lucania o Basilicata) o con un luogo non ben definito di essa.

Scritti prevalentemente con la tecnica dello spaesamento (che la lingua tedesca permetterebbe di definire, con una parola particolarmente pregnante, unheimlich), in tutti i racconti è presente un’aspirazione al riscatto, l’inconsapevole tensione verso una meta, la cui consapevolezza è indispensabile perché possa essere superata. E’ presente infatti la sensazione di vivere in un luogo da cui volersi allontanare e da cui però, inevitabilmente si è attratti al fine di porre le radici, come fanno fede i primi racconti centrati sull’infanzia, ma che non escludono un’intima inquietudine sempre riaffiorante e il  bisogno risorgente di potersene successivamente distanziare. 

Non diciamo certamente che è solo un pretesto l’ambientazione lucana e meridionale dei racconti, ma  nell’ultimo di essi, dal titolo Autostrade fiorentine, essa più che un epilogo è un’occasione che apre il varco alla ricerca di un luogo ideale, che forse non esiste, e che probabilmente si esaurisce nella volontà della ricerca stessa.

Ove si considerino le strutture narrative, il racconto presenta un narratore omodiegetico, e, di conseguenza, onnisciente, esprimendo una confessione finale dell’autore, il quale si è rivelato, dopo essersi celato nei protagonisti e antagonisti dei racconti precedenti.

Una ricerca del nuovo anima certamente il protagonista, una ricerca che non si contenta più neanche della visione delle opere d’arte e dell’architettura italiana, le quali non esauriscono il loro messaggio nella percezione delle forme, ma spingono lungo un percorso nuovo verso un’inconsapevole ricerca di sé sulla strada della libertà da vincoli e da stereotipi che, se da un canto tarpano le ali, dall’altro, come altrettante tappe che segnano un cammino in progresso, testimoniano il desiderio di una personale evoluzione.

Se il motivo del viaggio non può non far pensare all’ulisseismo moderno, anche il punto di vista stilistico ci porta a stabilire un confronto con i moderni scrittori della nostra avanguardia, come tradisce il susseguirsi dei pensieri, espressi con una deliberata omissione di punteggiatura, quasi a sottolineare in un delirio logorroico l’inquietudine ossessiva di un’anima che non si ferma un istante, ma che di essi ha pur sempre bisogno, non fosse altro perché “ I pensieri non si lavano, non conoscono la muffa del tempo o la furbizia dei deboli. I pensieri sono solo pensieri: sanno sempre di profumo e non si sporcano mai, possiamo rinunciare a tutto ma non alla mongolfiera dei nostri pensieri…”. Tutto ciò non è in contraddizione con l’etimo della parola mente, che è la sede in cui essi si raccolgono. Paradossalmente la mente, il mento, fondamentalmente, i lineamenti, tutte voci del verbo mentire rimandano ad una  dicotomia tra la leggerezza dei pensieri e la struttura che li contiene.

 La tecnica del montaggio dei racconti, ben calibrata, alterna armoniosamente sequenze descrittive o narrative a meditazioni esistenziali e si serve del verosimile, in alcune occasioni, e del fantastico e surreale in altri. In questi ultimi casi  si toccano temi  pregnanti che rimandano all’eterno interrogarsi sul senso del tempo, della vita, e della morte: è qui che l’autore, con la magia delle parole, tocca vette di intensità sublime: ”Sei nel luogo dove tutto giunge[…] Quando si giunge in questo luogo si sa tutto al di là del presente e del passato. E la vita e la morte saranno due parole, confuse tra di loro, dove tutti i tempi e tutti i luoghi si daranno appuntamento…”.

La dissoluzione della carne, tuttavia, non è dissoluzione della coscienza e se è raccapricciante l’immagine dei vermi che consumano le mani del neonato, è un anelito alla speranza il libero fluire delle anime, una volta liberatesi della materia.

 In questi passi, di un realismo estremo, sono presenti echi di un epicureismo rivisitato da una lucreziana memoria:…”Siamo energia che viaggia e che viaggiando cambia forma, tragitto, significato…”; ma se Lucrezio parla di scomposizione  degli atomi per spiegare e scongiurare la paura della morte, Canio Franculli va oltre, fino alla confluenza dell’essere in un’energia divina:…”Toccare il fondo e sentire di essere finalmente arrivati nel luogo non più segreto della nascita e della vita[…]. Nel cosmo Dio, che è tutto e niente di ciò che pensi, attende anche te per essere…”.

Lo spaesamento, più o meno realistico descritto nei racconti, è dunque anelito e ricerca di qualcosa che va oltre i limiti fisici dell’universo e si risolve  nell’ineffabile, in un luogo dove non esistono parole, eppure si comunica o semplicemente si è:”Non parliamo. Siamo. Comunichiamo ma non parliamo. Sei come foglia mossa dal vento, vai, ma non sai dove[…]. Qui non c’è nulla da dimostrare che già non sia stato dimostrato come indimostrabile, Qui si è e tanto basta..,”

Il libro, data la sua ricchezza di spunti, avrebbe bisogno certamente di altre e più puntuali argomentazioni, ma sia sufficiente quanto si è detto, anche per non privare il lettore del piacere di addentrarsi nella trama dei venti racconti e di ritrovare in essi raccordi con il suo mondo interiore, le sue inquietudini, le sue aspirazioni…

 

                                                  Notizie sull’autore

Canio Franculli, nato nel 1949, è dirigente scolastico dell’ I.T. C. G. di Palazzo San Gervasio. Ha già pubblicato Banzi, della Tabula Bantina e dei due matti dell’ 800, EditricErmes, 2000, ha curato, altresì, una raccolta storico-antropologica di memorie sul Novecento dal titolo E così fu, ricordi di ieri per l’Italia di oggi, Pianeta Libri Editore, 2004, e, inoltre una raccolta di articoli, frutto di un percorso didattico pluriennale, che ha per titolo: La costruzione dell’identità lucana nel medioevo tra Normandia e Mezzogiorno d’Italia, EditricErmes, 2006